U 14 DI LUGLIU HÈ QUELLU DI L'INDIPENDENZA !

Stu 14 di lugliu, LEIA NAZIUNALE festighjava a Nazione Corsa à u cunventu San'Antone di a Casabianca, locu storicu induve Pasquale Paoli fù elettu " Generale del Regno ". da "Suprema generale consulta del regno di Corsica " addunita da u 13 a u 15 di lugliu 1755.

U cunventu San Antone fù dinù un locu d'addunita di i rivultati catolichi è naziunali di " A Crucetta" ( 1797). A so distruzzione fù urdunata da u cunvenziunale Saliceti, à nome di a ripublica massonica francese.

U 5 di maghju 1976, u Fronte di Libarazioni Naziunali di a Corsica annunciava a so criazioni pà via di a so prima cunfarenza di stampa ind'e ruvine di u cunventu.

LEIA NAZIUNALE ha resu umaggiu à tutti l'eroi di a Nazione Corsa è ramintatu a forza di u sangue è di u spiritu !

ONORE À L'EROI DI A NAZIONE !

Mentre chì a Corsica diventa l’isula di tuttu u mondu, un locu di cunsumazione chì si ride di u nostru passatu è di a nostra vera identità, noi un ci scurdemu di a nostra storia.

U 14 di lugliu 1755, un parla micca à i francesi, o tutti l’altri strangeri chì campanu indè noi oghje. Parla à i corsi, è solu i corsi. Hè u ghjornu chì fù pruclamatu l’indipendenza di a Corsica. U 14 di lugliu 1789, un facia chè vint’anni chì l’armata corsa avia persu a bataglia contra l’armata francese in Ponte Novu. U golu un era ancu lavatu di u sangue corsu chè i nostri revoluzionnari c’avianu lasciatu. Malgratu a francisata è l’invasione, u populu corsu un hè ancu mortu, é sarà sempre vivu tantu ch’ellu s’arricurderà di u so passatu.

Quist’annu facenu 250 anni chì a Francia ci supraneghja. 250 anni chè no simu sbanditi. Tandu, e luce di u 14 di Lugliu francese, saranu per i zitelli. Noi a revoluzione un l’avemu ancu fattu. Oghje simu sempre culunisati è invaditi. Un populu culunisatu un passa micca u so tempu à festighjà è cunsummà. Ben chè tuttu si ne vaghi à caternu, u Cunventu di a Casabianca hè un locu sacru per i corsi ch’un accettanu di smarrisce è d’esse rimpiazzati. Forse chi a Corsica perde pianu pianu a so anima, ma l’anima di u populu corsu si piatta indè i so lochi stòrichi cume questu quì. L’anima di u populu corsu si piatta indè u sangue di i corsi. Simu invaditi, ma un simu ancu morti. Oghje, in memoria di quelli corsi chì anu luttatu, femu a prumessa di stà vivi è ramintà a verità, tantu ch’ellu fermerà un soffiu di vita. Raminteremu sempre cio chè no simu. Innò. Un simu micca francesi. Simu i figlioli d' issa terra, ch’ella li piaci o no. E ci simu ancu per un pezzu.

Evviva u populu corsu, evviva a lotta d'indipendenza !