LINGUA CORSA, LINGUA NAZIUNALE !

Leia Naziunale era prisente stu 23 di marzu in Aiacciu à l'addunita chjamata da u culletivu "Parlemu corsu" per l'amparera ubligatoria di u corsu indé tutte scole isulane, da a materna à u liceu.

Nanz'à l'addunita, Leia Naziunale ha cummunicatu a so pusizione annant'a quistione di l'ufficialisazione di a lingua corsa.

COMMUNICATU DI LEIA NAZIUNALE, PER A DIFESA DI A LINGUA CORSA:

LINGUA CORSA, LINGUA UFFICIALE !

Da Ponte Novu, vulemu ramintà l’impurtanza per un populu di parlà a so lingua. MORTA A LINGUA, MORTU U POPULU !

Oghje circundemu tutti a lingua materna tale un muru, chì a lingua corsa hè u testimoniu di u populu corsu; bench’ella sia troppu spessu disprezzata, per colpa à a francisata, è sopratuttu per colpa à noi. Cum’ellu dicia quellu pueta corsu Santu Casanova: « A più gran disgrazia per un populu hè di perde a so lingua, perdita ancu più irreparabile chè quella di a libertà. Un populu incapace di parlà a so lingua prununzia ellu stessu a so sintenza di morte. »

Quantunque, a sapemu tutti chì oghje hè diventatu assai difficiule d’aduprà u corsu. Simu stati culunisati, simu stati francisati, avemu persu l’usu di a lingua nustrale. Tuttu què vole assai forza per scunghjurà a sorte. E ghjè ancu di più difficiule in tempu d’invasione...

Ma, disgraziatu à chì un s’aiuta, è ci vole à dassi di rumenu sè no vulemu salvà u corsu. Perchè ghjè a nostra lingua ! Quand’ellu si dice chì a lingua porta a memoria di u populu, signìfica chè lingua è sterpa sò ligate. A memoria, sò i nostri antenati. A memoria, a purtemu tutti in la nostra mente è lu nostru sangue. Fà onore à i so antenati hè a più bella prova di rispettu è di Pietà filiale. Per u mumentu purtemu sempre a francisata nant’à e spalle, ma i belli ghjorni di a lingua corsa i ci feremu, senza aspettà l’avisu di u statu culuniale. Tuttu què dipende di a nostra vulintà, è di u nostru amore per a nostra terra, è a nostra ghjente.

Ci vulerebbe chère no pigliessimu in contu l’aspettu puliticu di a lingua corsa.

Scumbatte per a lingua, ghjè scumbatte per u populu ! A lingua un face u corsu, ma u cumpletta. Li permette di traduce u so esse, invece chì a lingua di l’invasore, u francese, li impone a visione di u mondu cù i spichjetti di l’oppressore. Senza a lingua corsa, hè un pocu cume esse zoppu. Forse sara per quessa chè no simu tutti un pocu zoppi...

Oghje più chè mai, u riaquistu culturale un po esse disghjuntu di a rivindicazione pultica corsa. A lingua di a republica francese, hè u francese. Quella di a Nazione Corsa hè u corsu.

Impone a so vulintà d’ufficializzà u corsu, ghjè affirmassi cume sughjettu pulticu suvranu.

Tandu, da e scole maderne à l’università, lingua corsa ubligatoria !

Ch’ella campi a lingua corsa, è ch’ellu campi u populu corsu! Evviva a lotta !