1925-2018, l'ottu di maghju in Ponte Novu !

10/05/2018

 

 

   Centinaie di patriotti adduniti in Ponte Novu per rende umaghju à l'eroi di a Nazione Corsa ! Sfilata di I Naziunali, messa nustrale celebrata da u prete Mondoloni, fiori, canunata è vitellu arrustitu per sta ghjurnata di mimùria.

 

I Corsi ùn si scordanu di a so storia. Un si scordanu dinù di quelli ch'anu permessu a tramendera d'issa mimùria : u 3 d'agostu 1925, fù inaugurata "a Croce di u Ricordu" da l'attori di u primu riacquistu, Santu Casanova, Petru Rocca, u Partitu Corsu d'Azione è tant'altri .U populu corsu s'impatrunìa di a so storia .

 

 

 

 

 

                                            Discorsu di u scrittore e pueta Santu Casanova  davanti a a Croce di u Ricordu in Ponte Novu. Aostu 1925

 

        " Cari fratelli,

 

    A croce di Cristu ch'ha guidatu l'apostuli in le strade piu ardue e pulvarose, s'alza dopu 150 anni, nantu stu locu infaustu, tistimone di e scena piu cruda e lagrimosa d'a nostra storia, scritte in parolle rosse.

  Durante sta funzione santa e pia, l'ombra sirena e venerata di Pasquale Paoli si stende sopra i monti cirnei, cume l'acula di Nabulione sopra u mondu.

 

  Nantu e rive di stu fiume memorabile, i corsi in baretta misgia, i zani pieni di pisticcine e le cispre a collu, tinianu testa a l'armata francese, per difende a nostra Libertà.

 

  D'avanta u numaru sempre criscente, l'ultimi patriotti preferinu a morte gloriosa a una capitulazione umiliante.

  In la piu bella stagione, i mucchji carchi di rosule un davanu piu parfumi ne spiranze, e a vittoria ridia in lu campu nimicu.

  A testa di u moru, cuparta d'un velu neru, calava l'occhj in tarra, a voce di e campane e di corni marini eranu ammutulite, l'acelli scappavanu da sti lochi cume da u focu. Durante chi i nostri babboni, ingutuppati in li so cappotti di pilone, falavanu par Golu, rossu di u nostru sangue.

L' ultimi sguardi a l'albitri e a le scope quantu funu tristi par sti martiri chi si n'andavanu in mare cu i parfumi di a nostra tarra in senu !

 

  I Corsi, dimentichi di u passatu e memori di tante prumesse, un cunservanu ne odiu ne vindetta ma aspettanu a rializazione di l'ingaggiamenti sulenni.

  Nantu sta tarre deserte, un spuntanu mai i fiori di u prugressu. I povari paisani sterminati da a frebba, so cundannati a apre sempre u tarrenu cu l'attrazzi di lavoru cantati da Virgiliu. Speravannu d'esse trattati ancu noi cume i neri e i gialli di e culunie piu luntane ma avemu spiratu in vanu.

  E purtantu, in tutte e circunstanza, i Corsi hannu fattu cume l'altri, u so duvere.

  Nulla di menu, a Corsica, sempre diminticata da i corsi e da i francesi, e ch'un è ancu a la cima di u so calvariu, oghie, inghjnucchiata d'avant'a Croce di u Ricordu, sottu le grand'ale di u Padre di a Patria, piegne, prega... e pardonna..."

 

                                              

                                                " Quand'omu ghjunghje in Corsica, omu ghjè inde i Corsi !" Predica di u prete Mondoloni 8 di maghju 2018 

 

 

 

                                                                            In 2018, più chè mai, campa u spiritu naziunale !

 

 

 

 

Please reload