Cù a forza immensa d'una mossa cumuna ...


Centinaie di parsone si sò cuncolti stu ghjovi 15 di settembre dinanzu u palazzu di ghjustizia di Bastia da sustene i so cumpatriotti sischesi accusati è opponesi à l'oppressione è l'arbitrariu . U sangue ùn hè micca acqua, prova si n'hè di l'adunita d'oghje arrimbata à u stintu naziunale, antropologicu è cumunitariu. LEIA NAZIUNALE era insulcata in core à u populu. L'occasione per noi di raghjunà incu i nostri cunnaziunali di e sfide capitale à chi oramai si cunfronte u populu di Cirnu. Al dillà di i partiti o cuntrapartiti, fora di l'istituzioni e di i "paesi legali", u sangue dà a so voce. U populu trova a so via è l'unità si face daretu à ogni colpu. Di pettu à l'attachi è i periculi , i corsi si pesanu cum'un solu omu, uniti da una sterpa cumuna è una stessa manera di riagisce , di "muscià u nemicu", vale à dì, di fà pulitica.

U prucessu s'hè cumpiu u venneri à quattr'ore mane . Per avè difesu i so figlioli è u so paese, i dui sischesi sò stati cundannati à parecchji mesi di priggiò attempati. Ind' i mesi à vene, l'attachi cuntr'à i nostri un anu da piantà. Tocc'à ogni corsu à fà campà ogni ghjornu ss'u spiritu di risistenza è di sulidarità .

Un populu unitu ùn serà mai vintu !